Disponibile sul mercato a partire da luglio 2014 al prezzo di 9.990 euro f.c. per la versione base

di Patrizio Cacciari

E come un fulmine a ciel sereno arriva la nuovissima e scintillante Ducati Monster 821. Le foto spia di qualche mese fa apparse sulle riviste specializzate facevano presagire l’arrivo della sorellina minore del fantastico Monster 1200 presentato a fine 2013 (a proposito qui trovate la prova su strada di ExtraMoto presso il Ducati Store di Roma), ma certo che i tempi hanno sorpreso un po’ tutti gli addetti ai lavori.

 

Molto simile alla sorellona, la 821 si presenta con il nuovo motore Testatretta a bicilindrico con quattro valvole, raffreddato a liquido, nella versione denominata 11°. I dati tecnici ci dicono di una potenza di 112 cavalli ed un peso a secco di 179.5 kg. Certo, come entry level è un po’ azzardata, ma la nuova elettronica sa il fatto suo. Di serie presenta il  traction control regolabile su 8 liveli di intervento, ABS su tre livelli, cosi come il Power Mode (potenza), su tre livelli.

 

Due le versioni disponibili:  il Monster 821 Dark, essenziale ed aggressivo nella colorazione “Dark Stealth” con telaio e cerchi neri, alla quale si aggiunge il Monster 821 classico, coni coprisella passeggero e proposto sia in “Rosso Ducati” (con telaio rosso e cerchi neri) che nella colorazione “Star White Silk” (con telaio e cerchi rossi).

 

Sarà disponibile sul mercato a partire da luglio 2014 (un mese un po’ inconsueto per il lancio di una nuova moto) al prezzo di 9.990 euro f.c. per il Monster 821 classico (nelle due colorazioni a scelta) e di 10.490 € f.c. euro per il Monster 821 Dark. Disponibile per i neopatentati anche una versione depotenziata.

 

Che dire? Il prezzo non è molto accessibile rispetto alla concorrenza, ma la qualità Ducati si paga. Per quanto riguarda le differenze con il 1200 va sottolineata l’assenza del forcellone monobraccio in favore di una soluzione più economica e anche un diverso tipo di strumentazione. Nella sua storia il Monster ha venduto oltre 260 mila esemplari. Vedremo se la tradizione di moto amata e fruibile verrà confermata. Lamps!