Ci sono motociclisti che cambiano una moto a stagione. Nell’articolo che ho scritto per il blog Klugg troverete alcuni consigli utili per difendervi. Dategli un’occhiata.

di Patrizio Cacciari

Ci sono motociclisti che non hanno pace e cambiano una moto a stagione. Ce ne sono altri che si danno un gran da fare tra pezzi di ricambio, accessori aftet market e modifiche strutturali. Altri ancora invece che comprano sempre la stessa moto appena esce il nuovo modello, che magari si differenzia solamente nei colori proposti e in qualche rifinitura di poca importanza.

 

Personalmente nella mia ancora breve carriera da motociclista sono già alla terza moto. Per il momento ho sempre acquistato mezzi nuovi. La prima è stata un Suzuki GSF 650 N Bandit color bordeaux, soprannominata Banditina. Con lei ho imparato ad andare in moto e conservo i ricordi delle prime uscite a Tolfa. Come accessori la dotai di cupolino sportivo fumé originale e scarico Arrow. Ci ho fatto anche due scivoloni, per fortuna senza conseguenze.

 

Dopo circa 8000 km l’ho data in permuta a Bmw e sono passato alla F 800 R full optional (scarico Akrapovic e Abs inclusi). Con lei, Venere (a causa dello strabismo del doppio faro) ho percorso circa 11 mila km e il ricordo più bello è senza dubbio la settimana passata in Corsica con il gruppo di amici giessisti. Lo scorso anno l’ho venduta a un amico e ho comprato la mia attuale moto, Ktm 1190 Adventure versione S, sempre nuova, che ho chiamato Grey. Tutto questo per dirvi che nella compravendita delle moto è sempre bene tenere gli occhi aperti.

Nell’articolo che ho scritto per il blog Klugg, troverete alcuni consigli utili. Dategli un’occhiata, cliccando qui.