Mi ha parecchio incuriosito questa nuova tecnologia della Dainese dedicata alla sicurezza del pilota. Questa mattina a Milano si è tenuto un tavolo di lavoro tra la casa di abbigliamento tecnico veneta e l’Ospedale Niguarda.
Leggi tutto

di admin

Mi ha parecchio incuriosito questa nuova tecnologia della Dainese dedicata alla sicurezza del pilota. Questa mattina a Milano si è tenuto un tavolo di lavoro tra la casa di abbigliamento tecnico veneta e l’Ospedale Niguarda. Le due realtà collaborano dal 2011 sul tema della sicurezza stradale. Dopo un’analisi sui sinistri è stato convalidato anche da un punto di vista medico il nuovo sistema D-Air Street (la foto qui accanto è piuttosto esaustiva). “Gli studi condotti rappresentano la più grande casistica italiana sugli incidenti motociclistici, da cui sono emersi e continuano ad emergere dati preziosi, ma soprattutto per la messa a punto di nuove piattaforme protettive come il D-Air Street, che possano incrementare la sicurezza di quelle parti che il nostro studio ha indicato come più sensibili, tra queste il torace e la zona addominale, dove organi come fegato, milza e reni spesso riportano gravi conseguenze”, ha detto il Prof. Osvaldo Chiara del Niguarda. Molto soddisfatto anche il presidente Lino Dainese: “Gli studi sono stati preziosissimi per progettare D-Air Street, l’air bag per i motociclisti, e continueranno ad esserlo per le prossime evoluzioni. E questi dati, se da un lato forniscono ulterioriconferme di come gli impatti contro la parte anteriore e laterale del torace siano la prima causa di infortuni (18% del totale) – ha aggiunto Marcello Bencini, design manager safety equipment del D-Tec® – dall’altro ci aiutano a migliorare le protezioni di altre parti del corpo, come nel caso degli arti inferiori in cui da proteggere non c’è solo il ginocchio (17% delle lesioni di arto in feriore) ma anche l’area frontale ed esterna della gamba, che rappresenta il 22% delle lesioni”. Noi come motociclisti non possiamo che apprezzare gli sforzi in questa direzione di aziende e istituti.