E’ tutta la mattina che fisso la foto pubblicata da Moto.it. Un’immagine bellissima di Lorenzo accanto alla sua M1 piegata a 64° sulla strada, il massimo angolo di inclinazione raggiunto oggi dalle MotoGp in pista.
Leggi tutto

di admin

E’ tutta la mattina che fisso la foto pubblicata da Moto.it. Un’immagine bellissima di Lorenzo accanto alla sua M1 piegata a 64° sulla strada, il massimo angolo di inclinazione raggiunto oggi dalle MotoGp in pista. Lo ammetto, io in piega sono ancora una schiappa. Non riesco a scendere con la moto come vorrei. All’inizio, con la mia Suzuki Bandit, da piegare c’era ben poco vista la struttura della moto, anche se gli ultimi tempi cominciavo a divertirmi. Non so perché ma derapavo che era una bellezza. Con la Bmw F800R, le cose non sono migliorate. Con lei purtroppo non ho mai trovato il giusto feeling e nonostante la qualità della moto non sono mai riuscito a fidarmi troppo dell’avantreno. Sarà stato il poco peso, oppure la mia inesperienza con una moto di filosofia diversa da una jaap, che può essere più maltrattata. Ora invece tocca solo a me. Con la mia Ktm c’è poco da aver paura. Peso, bilanciamento, elettronica e passo sono ideali per una guida sportiva, anche in situazione di rilassante passeggiata domenicale. So dove sbaglio: devo disegnare meglio le curve, evitare di tagliarle (come di solito si fa con lo scooter) ma accompagnarle, percorrere più strada possibile. In questa maniera hai più spazio fisico ber piegare, facendo da bilanciamento con il corpo, che deve scendere verso l’angolo della curva. Devo seguire, insomma, il consiglio che mi dà sempre Claudio, il mio amico e maestro di moto, quando la domenica mi si mette dietro con la sua cammellona a guardare come guido: “Devi buttarla giù!”. Posso farcela. Lamps!