Ed eccolo seppur in chiusura di giornata il post-resoconto sulla presentazione della biografia di Max Biaggi edita da Rizzoli e scritta con il giornalista del Corriere dello Sport Paolo Scalera. Il titolo scelto è “Oltre
Leggi tutto

di admin

Ed eccolo seppur in chiusura di giornata il post-resoconto sulla presentazione della biografia di Max Biaggi edita da Rizzoli e scritta con il giornalista del Corriere dello Sport Paolo Scalera. Il titolo scelto è “Oltre – Nelle piege della mia vita”. Un’oretta e mezza in cui il Corsaro ha raccontato aneddoti divertenti sulla sua vita privata (in pratica ha lasciato Anna Falchi per lo scudetto vinto dalla Lazio) e sportiva ai circa 200 tifosi presenti presso la Feltrinelli di Via Appia a Roma. Dalla rivalità con Rossi, alle piste preferite (Monza, Phillip Island e Suzuka) fino al rapporto mai decollato con la Honda e Doohan, Max ha confessato solo un rimpianto, quel famoso titolo mondiale nella classe 500cc sfuggito per questioni di politica, come ha spiegato lui. Max – tra di noi possiamo dirlo – non ha mai avuto un carattere facile. E se solo fosse stato un po’ più politico (cosa che lui odia essere) quel titolo iridato non gli sarebbe sfuggito. Mentre ascoltavo le domande della gente stavo pensando che Biaggi ha guidato quasi tutti le moto presenti in griglia: Aprilia, Honda, Yamaha, Ducati, Suzuki. Interessante il suo punto di vista sulla MotoGp attuale: in pratica ha ammesso di aver rifiutato un posto da collaudatore in Ducati proprio perché mal disposto verso qualsiasi gioco di potere. Stroncato anche il nuovo pilota della rossa Crutchlow (“non mi è mai sembrato un pilota con qualcosa in più”). Ammesso il talento di Valentino Rossi e definito Carl Fogarty “il più matto di tutto”, secondo me caro Max sei andato “oltre” solo quando hai detto – col sorriso sulle labbra – che Troy Bayliss è un pilota sopravvalutato. Ma sei fatto così e in fondo ti voglio bene lo stesso, perché se seguo il motociclismo è proprio grazie a te. Grande Corsaro, tra i più grandi piloti e sportivi italiani di tutti i tempi.