La bella ragazza della foto è solo una delle tante che ogni giorno guarda lo smartphone mentre è alla guida. Sono sicuro che è capitato a tutti voi motociclisti cittadini di sfiorare un incidente a
Leggi tutto

di admin

La bella ragazza della foto è solo una delle tante che ogni giorno guarda lo smartphone mentre è alla guida. Sono sicuro che è capitato a tutti voi motociclisti cittadini di sfiorare un incidente a causa di una situazione di questo tipo. Purtroppo non c’è legge o multa salata che tenga. I costi sempre più ridotti di internet e telefonia mobile hanno modificato i nostri costumi. Le persone che ogni giorno prendono la macchina per andare al lavoro e vivono in una grande città, secondo secondo alcune statistiche, alla fine della loro vita avranno passato 7 anni chiusi nel proprio abitacolo. Solo a pensarci mi sento male. Ma questo non giustifica la disattenzione e il pericolo per l’incolumità altrui. Distrarsi al volante per leggere what’s app o Facebook a un motociclista di passaggio può costare caro. Lo scorso mese la Direct Line ha diffuso i risultati di uno studio: il 22% dei ciclisti e (motociclisti) non viene notato dagli automobilisti. Gli smartphone sono utilizzati durante la guida dal 17% del campione, ma l’uso aumenta sensibilmente fino a 24% per i soggetti dei 18 ai 24 anni. Il 39,5% dice di approfittare delle pause al semaforo e solo il 27,2% afferma di aspettare che l’auto sia ferma per controllare e-mail e social network. Noi stiamo cercando di migliorare, rispettando i limiti, non sorpassando a destra, facendoci sempre notare, ma anche voi che siete al volate dateci una mano.